My Beauty Blog

AUMENTARE IL VOLUME DEL SENO IN TUTTA TRANQUILLITA’: COME SCEGLIERE LE PROTESI MIGLIORI E PIU’ SICURE

Sono queste le domande che la maggior parte delle mie pazienti mi pongono, prima di sottoporsi ad un intervento di chirurgia plastica per aumentare il volume del proprio seno. Domande legittime, che nascono anche da una ricerca personale effettuata prima di decidere di consultare un chirurgo plastico.

Come ho già ripetuto nei miei precedenti interventi, una corretta ed esauriente consapevolezza sta alla base di qualsiasi intervento di chirurgia plastica si voglia affrontare: per sapere quali sono le domande giuste da porre ad un chirurgo plastico è importantissimo essersi precedentemente informate, anche con le proprie risorse personali.Sarà poi compito del vostro chirurgo plastico di fiducia colmare le lacune e chiarire i dubbi, accompagnandovi verso la migliore scelta basata sul vostro caso personale e le vostre attese. Nel caso di un intervento di mastoplastica additiva le possibilità e le tecniche sono molteplici. Tuttavia non dobbiamo dimenticare che il pericolo di finire sotto le mani di sedicenti professionisti che si avvalgono ancora di pratiche obsolete e spesso molto pericolose è sempre in agguato. La domanda nel settore della chirurgia plastica ed estetica è in aumento costante e ciò diventa purtroppo un incentivo per la nascita di attività para-professionali e poco affidabili.

E’ notizia di poco tempo fa, per esempio, che le infiltrazioni di Macrolane per aumentare il volume del seno senza dover ricorrere a protesi sono state bandite dalla comunità scientifica del settore (SICPRE, Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica), sotto la forte spinta dei medici radiologi: questo è successo perché è stato riscontrato che la presenza di acido ialuronico iniettato nelle ghiandole mammare facilita la formazione di pseudo-cisti da inglobamento della sostanza, che spesso possono essere confuse con noduli della mammella. La presenza di Macrolane interferisce quindi con le normali procedure di screening, pertanto potrebbe falsare i risultati di esami molto importanti come mammografie o ecografie, necessarie per eseguire diagnosi precoci del tumore al seno.

Questa notizia è fondamentale poiché ci conferma che l’unica sicura possibilità di intervento per aumentare il volume del seno  può avvenire soltanto tramite l’impianto di protesi e assolutamente non attraverso l’inoculazione di alcun prodotto, anche nel caso di aumenti di ridotte dimensioni.

Negli ultimi tempi si è tuttavia diffusa una nuova pratica, molto in voga, per eseguire un aumento del seno senza l’impianto di protesi, bensì adottando la tecnica del lipofilling, cioè infiltrando il proprio grasso in eccesso all’interno della ghiandola mammaria: purtroppo essa è proposta molto spesso in situazioni poco adatte.

E’ infatti una tecnica ideale per chi desidera aumentare il proprio seno di poco, di circa una taglia.

In questo caso il grasso viene aspirato attraverso cannule da lipoaspirazione da zone del corpo in cui vi sono accumuli adiposi localizzati; esso viene filtrato con un’apposita centrifuga e quindi re-iniettato a livello del seno.
Ormai è risaputo che trattando il grasso correttamente la percentuale di riassorbimento (e quindi la parte del grasso che si perde) è molto bassa, tuttavia questa percentuale aumenta se viene iniettata una quantità troppo abbondante di grasso nel seno in una volta sola.
E’ preferibile quindi dilazionare il riempimento in 2-3 volte, a distanza di qualche mese l’una dall’altra.
Inoltre, voglio specificare che poiché non è possibile prevedere precisamente quale porzione di grasso sarà riassorbita, questa tecnica è indicata per aumenti non superiori ad una taglia di reggiseno affinché possa essere garantito un risultato esteticamente gradevole.

Proviamo ora a vedere quali sono le differenti tipologie di protesi esistenti sul mercato e quali sono le loro caratteristiche fondamentali.

Le protesi possono innanzitutto avere diverse forme: per esempio, le protesi anatomiche sono quelle che simulano maggiormente la forma naturale del seno con un tipico aspetto a goccia.
Le protesi anatomiche sono le più indicate per gli aumenti del seno primari (cioè su tessuti mai operati) anche se devono essere posizionate da chirurghi preparati poiché è importante che vengano inserite correttamente e  nella posizione desiderata.

Sono le protesi che io normalmente uso e consiglio.

Una seconda tipologia di forma per le protesi è rappresentata dagli impianti rotondi, che sono anche i più utilizzati da molti chirurghi poiché più semplici da posizionare: essi non presentano, infatti, le problematiche della rotazione spontanea dell’impianto all’interno della tasca dove viene collocata la protesi (anche nel caso in cui l’intervento non sia stato eseguito perfettamente). Lo svantaggio è l’effetto spesso troppo artificiale, con il seno molto pieno nella porzione superiore e vuoto in quella inferiore.

Qualsiasi tipo di protesi è disponibile in differenti tipi di profilo, cioè basso, medio o alto; inoltre le protesi anatomiche rendono possibile anche poter scegliere la loro forma ed optare per una protesi più o meno piena nella parte superiore. La scelta dell’una o dell’altra deve essere fatta seguendo le caratteristiche anatomiche del vostro seno naturale e in armonia con la ghiandola presente e con la forma e le dimensione del vostro torace.

Per quanto riguarda il materiale, la scelta è vasta:

esistono numerosissime tipologie di materiali riempitivi, e la maggior parte di essi è commercializzata in Europa con pochissime restrizioni. Tuttavia, le migliori a mio avviso sono senza ombra di dubbio le protesi in gel di silicone altamente coesivo,che hanno una resa perfetta, una durata maggiore, il minor tasso di complicanze come la formazione di tessuto cicatriziale attorno alla protesi stessa (capsula fibrosa) e, in caso di rottura dell’impianto, non provocano la dispersione del contenuto all’interno o all’esterno  della membrana di silicone che ricopre e avvolge la protesi.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 5 giugno 2012