My Beauty Blog

IL LIFTING FACILE E MINI INVASIVO: JBP V-LIFT E SILHOUETTE SOFT

Intervenire con tecniche soft rappresenta la maggiore conquista della chirurgia plastica ed estetica degli ultimi anni. Ottenere risultati spesso migliori di quelli che fino a poco tempo fa erano possibili soltanto attraverso interventi tradizionali e invasivi è oggi possibile: approfondiamo insieme JPV Lift e Silhouette Soft e capiamo i vantaggi e le applicazioni cui possono essere connessi.


I FILI INVISIBILI DI JPV-LIFT

JBP V-LIFT è una nuova tecnica indicato per correggere i cedimenti della cute di viso e collo che, a causa del trascorrere degli anni, per effetto gravitazionale e per la naturale e progressiva perdita di elementi fondamentali della nostra pelle – in particolare il collagene e l’elastina – è un fenomeno con il quale dobbiamo tutti fare i conti. La forma naturale del viso negli anni della giovinezza può essere rappresentata con la lettera ”V“: tuttavia, quando il volto invecchia, è possibile notare il mutamento della forma del viso che va ad assomigliare invece ad una  ”V rovesciata“. Purtroppo, spesso, la scelta più praticata da chi vuole correggere questo fisiologico cambiamento del viso, consiste nell’optare per interventi chirurgici invasivi, tempi di recupero più o meno lunghi a seconda della tecnica utilizzata.

La medicina estetica moderna offre differenti soluzioni al fine di intervenire e optare per un processo di risollevamento dei tessuti, garantendo però risultati armoniosi e naturali: il JBP V-LIFT utilizza fili totalmente riassorbibili, senza ancoraggio, in grado di produrre una sorta di lifting biologico: l’organismo viene praticamente stimolato a produrre delle fibre di collagene localizzate, intorno all’introduzione dei fili, e in questo modo riesce a garantire  un’impalcatura sottocutanea che contrasta il fenomeno di scivolamento verso il basso dei tessuti della nostra pelle.
 Non sono necessari punti di sutura e il meccanismo è, come detto, esclusivamente biologico e fisiologico. Da tempo si parlava di fili di sospensione utili a rialzare i tessuti: quelli utilizzati sinora, però, non erano completamente riassorbibili e soprattutto richiedevano ancoraggio. Presentavano inoltre coni o spinette che potevano rendersi responsabili di micro-lesioni o irritazioni nelle strutture sottocutanee; in casi eccezionali, anche di anche vere e proprie allergie, con conseguente rigetto. Nel caso di JBP V-LIFT, invece, il filo viene completamente riassorbito e la pelle risulta immediatamente più tonica ed elastica, con un effetto di riempimento e risollevamento della zona trattata.
 Alla fine della seduta non vi è nessun effetto collaterale e la paziente può riprendere le normali attività quotidiane. Il JBP V-LIFT è una tecnica di medicina estetica avanzata, alternativa e non invasiva per il trattamento anti-età, che può essere applicata anche in altre zone del corpo oltre a viso e collo, come le braccia, l’interno cosce, i glutei, le ginocchia e i gomiti.

 

RISULTATI E DURATA DEL TRATTAMENTO

Vantaggi: rapido lifting dell’area trattata, elasticità e vitalità della pelle; aumento del tono cutaneo, miglioramento dell’aspetto delle rughe, breve durata del trattamento, suture riassorbibili e innocue, non richiede test allergici. L’effetto dura da 6 a 12 mesi circa, in base al numero di fili utilizzati.

Nell’area trattata può comparire solo un modesto gonfiore e rossore per circa 24-48 ore dal trattamento, piccole ecchimosi se si soffre di fragilità capillare ma facilmente risolvibili con pomate e mascherabili con il trucco da subito ed una sensibilità accentuata nella zona trattata che scompare solitamente nell’arco di un paio di giorni.

 

SILHOUETTE SOFT

Silhouette Soft utilizza fili di sutura biocompatibili e bidirezionali ed è considerata la nuova frontiera per il Lifting Meccanico non chirurgico per il terzo medio e inferiore del volto.
 I fili sono composti interamente di strutture biocompatibili con il nostro organismo (che non provocano cioè reazioni allergiche), riassorbibili ed in grado di stimolare la collageno-genesi, creando quindi un naturale incremento della produzione di collagene endogeno.

Con questa tecnica è possibile risollevare tutte le strutture del viso (sopracciglia, zigomi, guance, collo) con la quasi totale assenza di gonfiore e lividi, consentendo nella maggior parte dei casi una ripresa immediata post trattamento. La procedura è effettuata in anestesia locale e dura circa 30 minuti. In base alle esigenze di ogni singolo caso si possono inserire un numero variabile di fili (in genere 2-4 per lato).

Si può tornare anche immediatamente alle normali attività; questa metodica può essere perciò considerata un vero “lifting della pausa pranzo”, parola spesso abusata e riservata a procedure ben più invasive.

E’ inoltre possibile inserire ulteriori fili in sedute successive, per migliorare il risultato.

Spesso è utile associare il lifting con fili Silhouette ad altri trattamenti ambulatoriali come l’iniezione di filler (zigomi, zona sotto-palpebrale, mandibola, rughe ecc.) e/o il botulino per riempire solchi o correggere antiestetiche rughette d’espressione sempre in maniera naturale e proporzionata ai lineamenti del nostro viso.

I fili Silhouette sono riassorbibili, pertanto pressoché privi di rischi ma, per conservare o migliorare il risultato è utile sottoporsi a sedute periodiche (6-12 mesi). I fili si riassorbono completamente in 18 mesi circa ma la forza tensile diminuisce progressivamente poiché si tratta di una applicazione effettuata senza tagli, scollamenti e rimozione di pelle in eccesso, come invece accade nei lifting chirurgici tradizionali.

 

RISULTATI E DURATA DEL TRATTAMENTO

Vantaggi: Utilizzo di anestesia locale, nessun ancoraggio osseo, nessuna pratica chirurgica, immediato ritorno alla vita sociale, nessun bendaggio né terapia antibiotica o antidolorifica, procedura rapida (circa 30 minuti), durata da 18 a 24 mesi, incremento dei fibroblasti, incremento di collagene, incremento di fibre elastiche, incremento della vascolarizzazione e della matrice cellulare di acido ialuronico, cioè di tutte quelle sostanze fondamentali della nostra pelle per mantenerla giovane, tonica e fresca.

Dopo il trattamento può comparire transitoriamente depressione della pelle nel punto di inserimento dell’ago, che normalmente viene evitata dal massaggio compressivo a fine seduta. Durante la prima settimana a seguito del trattamento il paziente non deve sottoporsi a interventi odontoiatrici ed evitare massaggi o trattamenti estetici al volto. Evitare sport traumatici che comportino un contatto fisico con rischio di traumi al viso ed evitare sauna e bagno turco o le terme per non infiammare la pelle. E’ consigliabile inoltre cercare di dormire in posizione supina per 5-7 giorni.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 3 novembre 2014