My Beauty Blog

7 cose che devi sapere per scegliere correttamente il tuo Chirurgo Plastico

scegliere chirurgo plasticoIn chirurgia ci vuole soltanto un attimo per fare un errore, ma ci vogliono anni per correggerlo. Scopri le 7 dritte che ogni donna deve sapere per scegliere correttamente il proprio chirurgo plastico ed estetico.


Scegliere un chirurgo plastico veramente bravo ed affidabile non è così facile come può sembrare, soprattutto quando si parla della TUA bellezza e della TUA salute.

Ecco le 7 dritte per aiutarti a fare la scelta giusta nel tuo percorso verso la perfezione e l’armonia:

1. Accertati che il chirurgo a cui ti vuoi affidare sia uno specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica!
(ndr -> Non esistono “Chirurghi Estetici” o “Medici Estetici“).

Si stima che ad oggi in Italia la quantità di Studi di chirurgia estetica sia 19 volte maggiore degli attuali specialisti in chirurgia plastica ed estetica. Questo significa che ogni 20 persone che offrono interventi di chirurgia plastica estetica solo 1 ha le necessarie conoscenze ed abilità per farlo.

Per non affidarsi alla persona sbagliata bisogna sapere che:

  • La specializzazione in “Chirurgia Estetica” NON esiste;
  • Il “medico estetico” è chi si definisce tale per “una personale esperienza” in questo settore ma non ha le conoscenze, le competenze e tantomeno il diritto di eseguire alcuna procedura chirurgica o eseguire specifici trattamenti di medicina estetica come infiltrazioni di fillers, botulino o trattamenti laser.
  • Solo il titolo di “Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica” garantisce che il chirurgo dopo la Laurea in Medicina abbia frequentato i 5 anni della specifica Scuola di Specializzazione, i relativi reparti di chirurgia plastica ricostruttiva, abbia sostenuto gli esami per conseguire la specializzazione e soprattutto abbia eseguito un numero adeguato di procedure chirurgiche prima con supervisione di un chirurgo più esperto e poi indipendentemente.

2. Informati sul background professionale e sull’esperienza formativa internazionale di un chirurgo.
(ndr ->  L’esperienza non appare sulla carta intestata o sul biglietto da visita).

Nel background professionale del chirurgo e’ indispensabile che ci siano interventi come il lifting, la rinoplastica o la mastoplastica. Per questi delicati interventi l’apprendimento può necessitare molto tempo ma, se sono proposti dal chirurgo, sono indice di esperienza e completezza professionale.

Per essere poi uno specialista veramente bravo, non è poi sufficiente avere un’esperienza pluridecennale. Il mondo della chirurgia plastica ed estetica si evolve in continuazione. Ogni anno nascono decine di trattamenti più efficaci e meno invasivi. Se il medico non sente l’esigenza di aumentare le sue conoscenze attraverso seminari, corsi di aggiornamento e conferenze sia in Italia che all’estero, rischia di usare sempre le solite tecniche obsolete e invasive.

3. Verifica se il chirurgo ha lavorato presso un’importante struttura pubblica o universitaria, garanzia di forti basi di Chirurgia Plastica ed Estetica
(ndr -> L’abilita’ di un chirurgo sparisce con la mancanza di pratica).

Le capacita tecniche e la memoria muscolare necessarie per attuare un intervento chirurgico di alto livello sono molto simili a quelli usati dai musicisti per raggiungere la perfezione. Se ad esempio un pianista professionista suonasse solo poche volte alla settimana, la mancanza di pratica verrebbe inevitabilmente percepita nella sue performance. E se il chirurgo plastico non ha la possibilità di praticare quotidianamente quello che ha imparato durante il suo percorso formativo il risultato, purtroppo, si rispecchierebbe nel corpo e nel viso dei suoi pazienti.

4. Controlla le pubblicazioni scientifiche
(ndr -> Chirurghi aggiornati sono molto spesso attivi scientificamente).

Mettere in discussione le proprie esperienze sui palcoscenici scientifici di congressi e meeting nazionali ed internazionali dà la possibilità al chirurgo di verificare le proprie esperienze e teorie e di ricevere la cosiddetta “validazione scientifica” di altri autorevoli specialisti internazionali.

5. Non fidarti dei programmi di simulazione tridimensionale e di foto seducenti.
(ndr -> Il programma non sta per operarti, il chirurgo si).

Le tecnologie avanzate ed i software di nuova generazione possono essere molto utili per aiutare ad immaginare il risultato finale di un intervento, ma allo stesso tempo i programmi simulativi e le foto ‘ritoccate’ spesso creano aspettative false sull’esito finale.

Nel caso in cui il chirurgo cerchi di ammaliarvi, mostrando foto di altri pazienti, fate attenzione! Un naso perfettamente dritto o un seno piuttosto abbondante può star bene a qualcuno e a qualcun altro no. Cercate di spiegare al chirurgo cosa vorreste e capite insieme cosa effettivamente si può ottenere e cosa no.

6. Testa l’opinione del chirurgo.
(ndr -> Se il chirurgo non è capace di spiegarsi in modo chiaro e convincente, ti sta vendendo qualcosa di cui non hai bisogno!).

Tanti chirurghi plastici, coscientemente o no, confondono i propri pazienti con frasi complicate e lunghi termini medici, quando in realtà non servono. Il compito principale del chirurgo è di ascoltare attentamente il proprio paziente, spiegare benefici, vantaggi, limiti e le possibili complicazioni dell’intervento nonchè guidarlo attraverso l’intero processo aiutandolo a trovare la soluzione ottimale.

Prenditi il tuo tempo, diffida di chi ti dice “ ti opero anche tra pochi giorni!!”. La chirurgia, a differenza della medicina estetica e di tutti i trattamenti soft,  è definitva!

Ogni intervento necessita, dopo la prima visita col chirurgo, di un adeguato periodo di riflessione “informata” e in ogni caso sono indispensabili attenti esami preoperatori.

7. Anche la scelta di un chirurgo plastico è “questione di feeling”
(ndr -> Se c’e’ qualcosa che non ti convince nel chirurgo, continua a cercare!).

Tutti noi siamo diverse sia a livello psichico, che a livello emozionale e caratteriale. Lo stesso specialista plastico ed estetico può risultare in totale armonia con un paziente ed inconciliabile con un’altro. Il chirurgo può anche essere uno dei professionisti più qualificati del mondo, ma devi metterti nelle mani di un chirurgo plastico in cui riponi la tua fiducia.

Non sbaglierai!

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 8 luglio 2011