My Beauty Blog

La Laserterapia per il lifting senza bisturi del viso

Iniziamo un nuovo capitolo nel territorio affascinante della medicina e chirurgia estetica con alcune interviste a coloro, uomini e donne, che hanno scelto di migliorare il loro aspetto esteriore. Il fine è la condivisione di un’importante esperienza di vita e la dimostrazione che la bellezza è armonia, proporzione e joie de vivre!

Parliamo di un tema molto attuale che coinvolge sia la sfera fisica che quella emotivo-relazionale: lo skin-tightening, cioè il lifting non chirurgico del viso e di altre parti sensibili del corpo teso a rassodare, tonificare e ricompattare i tessuti. Le tecnologie laser di ultima generazione e l’impiego della radiofrequenza rappresentano l’ultima frontiera della medicina e chirurgia estetica e dermatologica firmati DEKA: oltre a stimolare la formazione di nuove fibre di collagene e di elastina nel derma, assicurano la notevole riduzione degli effetti collaterali e la velocità dei tempi di recupero.

Laser CO2 frazionato: Il Lifting facciale non chirurgico

Per questo ho deciso di proporre la testimonianza di Chiara, una paziente, ma ormai anche un’amica, che attraverso il racconto della sua esperienza mi permetterà di presentare nel dettaglio questa tecnica di ringiovanmento del viso.

Il Lifting non chirurgico in un’intervista

Grazie Chiara, di aver accettato di dialogare con me e con tutti i lettori. Parlaci di te e del tuo sogno di bellezza che ti ha portato a Milano. Il tuo sguardo luminoso e il tuo sorriso affascinante confermano che, spesso, i sogni si avverano…
Grazie a te quando mi guardo allo specchio noto con piacere che il mio viso ha davvero una luce nuova. Eppure sono sempre io, donna di 60 anni con marito, due figli e un lavoro part time che mi permette di dedicarmi a qualche hobby.

Il tempo che passa troppo in fretta e forse il timore di invecchiare ha, però, turbato e rattristato il tuo cuore…
Sono sempre stata una donna “realista” con i piedi ben ancorati alla terra. Credevo che la perdita della freschezza giovanile e la comparsa delle rughe sul viso non avrebbero sconvolto il mio equilibrio. Ma non è stato così. Dopo la menopausa, si sono accentuate le zampe di gallina e le altre rughe sparse qua e là sul viso. Non potevo più considerarle semplici rughe di espressione. Sai a cosa ho pensato? Agli anemoni, fiori deliziosi e pudichi, ma altrettanto delicati e fragili. “Fiori del vento”, li chiamano. Ecco, mi sono sentita un anemone sfiorito, con qualche petalo in meno, ma solide radici a sostenere lo stelo.

Poi hai trovato la forza di reagire e chiedere aiuto. Raccontiamo come sei arrivata fino a me?
Internet! MyBeautyBlog è stata una grande scoperta. Siccome “mal comune, mezzo gaudio” è un detto evergreen, ho iniziato a seguire siti che si occupassero di estetica per la terza età, dei mutamenti fisici collegati all’invecchiamento e dei rimedi per convivere con essi cercando, contemporaneamente, di contrastarli. La percentuale di persone che si sottopone a trattamenti di medicina e chirurgia estetico-plastica è in costante aumento e accomuna persone di ogni età, ceto sociale e livello culturale. Come nel mio caso, per tanti non è solo una questione di vanità o di investire nel proprio corpo per aumentare le possibilità di successo nel lavoro, ma di autostima. Essere di nuovo carina e sensuale per amore di mio marito? Certo, ma soprattutto per me stessa. Senza bisturi o fillers di alcun tipo per timore di perdere in naturalezza e spontaneità. Ma di chi fidarmi?

Ringiovanimento del viso con laserterapia abbinata alla radiofrequenza

Le offerte di interventi miracolosi a prezzi di saldo non mancano sulla Rete!
E sono le prime che ho evitato! Poi ho cercato su Google i nomi di specialisti in medicina e chirurgia estetica ed è comparso anche il tuo, Dottoressa Alessia Buscarini, collegato a un video. Il tuo modo di esporre in modo comprensibile, professionale e fine, mi ha convinto a cercare il tuo sito: una vera fonte di notizie e informazioni sulle innovative tecniche di chirurgia e medicina estetica, senza false promesse o offerte speciali da supermercato del fitness. Le prestazioni d’eccellenza hanno un costo elevato, ma direttamente proporzionale all’alta qualità dei risultati. Indispensabile una struttura sanitaria perfettamente attrezzata, dove lavorano specialisti seri e aggiornati sulle ultime novità in fatto di apparecchiature biomedicali multidisciplinari. Come vedi, mi sono fatta una piccola cultura in materia! Così ho deciso di farmi un doppio regalo: un trattamento laser al viso e un romantico viaggio a Parigi, naturalmente dopo i trattamenti estetici.

Continua a raccontare, mi interessa moltissimo.
Mi ha colpito immediatamente la tua gentilezza e… comprensione: ero un po’ intimidita dall’ambiente e temevo di non esprimere tutti i dubbi e le domande che mi ero ripromessa di fare, alla mia età! La tua esperienza e la tua sensibilità mi hanno rasserenato e ho cominciato a rilassarmi. Si è creato un clima di confidenza e fiducia che mi ha stimolato a parlare senza l’impressione di essere giudicata ignorante e sprovveduta.

La laserterapia abbinata alla radiofrequenza

Lifting senza bisturi per la pelle del viso

Il secondo step è stata la visita dermatologica.
Una visita completa con l’analisi accurata della mia storia medica e la compilazione di una cartella clinica che in poche righe riassumeva la mia vita. Solo dopo aver esaminato il materiale raccolto mi hai indicato i trattamenti più adatti alla mia situazione: quando mi hai parlato del laser frazionato CO₂ microablativo abbinato a radiofrequenza e il laser Nd-Yag, potenziato del 20% rispetto alla versione precedente, mi sono sentita per un attimo in un film di fantascienza. In seguito ho avuto modo di constatare che invece era la soluzione cucita su di me!
Oltre a suggerirmi che laserterapia e radiofrequenza sono gli strumenti più efficaci e potenti per attenuare o cancellare i segni del tempo, mi hai spiegato che sarebbe stato proprio questa soluzione a restituire tonicità e luminosità alla pelle. Il nome è SmartXide², si tratta di un laser poco invasivo che sfruttando l’energia termica abbinata alla radiofrequenza (con potenza e impulsi regolabili in base alle caratteristiche del tessuto cutaneo) avrebbe attenuato le rughe profonde, cancellato le discromie e regalato compattezza alla pelle.

Esiste, comunque, per i casi più lievi di photoaging, il laser non ablativo Neodimio-Yag, utilizzato sulle rughe più superficiali e i capillari.
Hai sentito dolore durante il trattamento?

No, solo una leggera sensazione di calore, subito seguita dal raffreddamento puntuale che lo speciale manipolo diffonde sulla zona interessata. Il rossore è durato poche ore. In tutto, ho subito 4 trattamenti laser a distanza di circa 40 giorni: i primi risultati erano visibili già nei giorni successivi alla laserterapia.

A parte il famoso viaggio, quali sono i tuoi programmi futuri?
Ho iniziato con un semplice lifting del viso e devo dire che l’utilizzo di questa tecnica mi ha dato una vera e propria sensazione di ringiovanimento, accompagnata dal grandissimo sollievo di non intraprendere un intervento. Quando sono tornata a casa, dopo la magia, ho pensato subito che il consiglio della mia nuova amica dottoressa mi aveva rivelato il trattamento fatto su misura per me.
Al più presto, mi piacerebbe quindi provare lo skin tigthening sulla pelle del collo. E, se dovessi prenderci gusto, in seguito mi dedicherei alla parte interna delle braccia e delle cosce!

Il tuo sorriso è una grande soddisfazione! Ti aspetto volentieri! Ti auguro buon viaggio… ma ricordati di inviarmi una bellissima foto da Parigi!

La chirurgia plastica è la disciplina medica che ha il compito di correggere i difetti, ricostruire le parti danneggiate da patologie e traumi, ma anche semplicemente dagli anni, e valorizzare la figura. Gli strumenti e le apparecchiature che rappresentano il corredo professionale dello specialista sono il frutto della tecnologia più avanzata: utilizzarli con responsabilità e rigore, insieme a un indispensabile senso estetico, è un dovere. Per me e per i miei colleghi della clinica.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 3 dicembre 2016