My Beauty Blog

Smagliature sempre più evidenti dopo l’estate

Abbronzatura e smagliature, un vademecum per l’estate

Estate, sole, abbronzatura: un’associazione perfetta, se non fosse per il disagio causato da quelle sgradevoli striature sulla pelle che si chiamano smagliature. Rassegnarsi non è necessario, perché i cosmetici e soprattutto il laser possono aiutarci. Ecco un vademecum, alcune semplici regole, per affrontare il problema.

Primo: conoscere il nemico per sconfiggerlo

Cosa sono le smagliature? In medicina si chiamano “strie atrofiche” e sono quelle antiestetiche cicatrici che appaiono sull’epidermide di cosce e glutei, ma anche pancia, seno e braccia, quando la pelle perde elasticità, ad esempio durante la pubertà, in gravidanza o durante una dieta con drastica riduzione di peso. In questi casi la fibra elastica del derma, la parte più interna della pelle, si “strappa” e si cicatrizza dando vita ad una striatura dapprima di colore viola-rosso (“smagliatura rossa”), segnale di un’infiammazione dell’epidermide, che poi si cronicizzerà divenendo una cicatrice bianca (“smagliatura bianca”).

La regola aurea: prevenire

Le smagliature sono democratiche, non fanno distinzioni di sesso ed età, ma è vero che affliggono maggiormente le donne. D’estate il disagio per l’esposizione di parti del corpo normalmente coperte, dove le smagliature sono più visibili, aumenta, soprattutto al sole e se siamo pigre nell’applicare una buona crema con filtro protettivo.
E, allora, prima di tutto prevenire e ricordare che la pelle va mantenuta idratata dall’interno, bevendo molta acqua e mangiando frutta e verdura fresche, e dall’esterno con creme e emulsioni che contengano principi attivi elasticizzanti-idratanti. No alle diete drastiche, usiamo la notte per dormire e dar modo alla pelle di rigenerarsi, evitiamo per quanto possibile situazioni eccessivamente stressanti.

Consigli sotto il sole

Al sole le smagliature sembrano peggiorare. In realtà è l’impressione dovuta all’abbronzatura, perché le cicatrici della pelle non si abbronzano e spiccano sul colorito ambrato. Per questo sarebbe opportuno praticare uno scrub accurato e poi utilizzare uno spray autoabbronzante per scurire le smagliature e dare una colorazione uniforme a tutto il corpo, in modo da nasconderle. L’autoabbronzante va applicato con attenzione, perché vicino alle inestetiche striature tenderà a seccare maggiormente e quindi andrà spalmato un paio di volte.
Prima di esporsi al sole, comunque, le smagliature devono essere sempre coperte con prodotti ad alta protezione.

Laser, terapia all’avanguardia

Un buon camouflage estetico può momentaneamente nascondere le smagliature, ma per una soluzione ottimale è opportuno rivolgersi ad uno specialista delle terapie laser di nuova generazione. Su quelle di recente formazione di colore rosso violaceo l’esperto otterrà eccellenti risultati con il laser Nd-Yag, rendendole quasi invisibili. Lo specialista, però, è in grado di intervenire anche sulle smagliature bianche col laser CO2 frazionato, sarà necessaria solo qualche seduta in più. Dopo qualche mese i risultati saranno sotto i vostri occhi: pelle più compatta e smagliature molto più tenui e sottili.
Il laser è dunque una terapia all’avanguardia, da tenere presente per rispettare la prima regola del nostro vademecum: mai rassegnarsi. Perciò, se siete afflitte da questo inestetismo, rivolgetevi subito ad un valido specialista che sa come ridare tonicità e compattezza alla vostra pelle.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 10 agosto 2016