My Beauty Blog

MACS Lift, il mini anti aging efficace come un lifting

Gli effetti dell’aging non risparmiano nessuno, soprattutto se pensiamo al nostro viso e ai cambimenti che subisce negli anni. Rugosità, cedimenti, inestetismi vari iniziano inevitabilmente a palesarsi, e finiamo con l’affannarci per trovare rimedi che siano di qualità e a lungo termine.
La soluzione più ovvia per distendere nuovamente la pelle era il lifting facciale, ma spesso si evitava di ricorrervi a causa dei lunghi tempi di ripresa, che impedivano di presentarsi in pubblico per qualche settimana, e del timore che i risultati potessero essere innaturali.

Da qualche tempo, invece, è nata una tecnica molto meno invasiva, che consente anche un ripresa più rapida: il MACS Lift.

Considerato un buon compromesso tra chirurgia e trattamenti più soft, questo lifting mini invasivo consente di sollevare le lassità della pelle nelle aree dei palpebre, guance e mandibola, senza mai alterare i naturali lineamenti del viso, e donando risultati duraturi nel tempo.

Guardiamo insieme in cosa questo innovativo lifting differisce da quello tradizionale.

  1. La tecnica del MACS Lift prevede un’incisione limitata, che non si estende dietro l’orecchio. Poiché segue una piega naturale del viso, la cicatrice rimarrà piccola e ben nascosta.
  2. Con questo tipo di lifting, la zona interessata è più piccola. Di conseguenza, la procedura presenta un’invasività molto ridotta, comporta rischi minori e si rivela adatta ad un maggior numero di pazienti.
  3. Il rischio di danni al nervo facciale è notevolmente inferiore, se non addirittura improbabile.
  4. Gonfiore e lividi post-operatori sono meno evidenti e svaniscono più in fretta.
  5. Nella maggior parte dei casi, questo mini lifting avrà risultati uguali o migliori rispetto ad un lifting tradizionale.

Quando ricorrere al mini lifting

Il MACS Lift è consigliato per rimuovere la cute in eccesso dalla zona mandibolare migliorandone la linea, e per contribuire nella riduzione delle pieghe naso-labiali. È indicato per trattare la parte bassa del viso, e quindi palpebra inferiore, zigomi, guance, mento, mandibola e parte superiore del collo, in pazienti tra i 30 e i 60 anni che presentano cedimenti di lieve o media entità.

Può essere associato ad altre tecniche, quali blefaroplastica inferiore, lipofilling, lifting del collo o liposuzione, spesso usata per rimuovere il grasso in eccesso dalla zona del collo sotto l’angolo della mandibola, per ridefinirne il contorno e liberare la cute.

L’intervento dura dai 90 ai120 minuti, viene effettuato in anestesia locale abbinata ad una leggera sedazione, e al termine si applica sul viso una guaina compressiva che andrà mantenuta dai 3 ai 7 giorni. Il paziente può essere dimesso il giorno seguente, e dopo circa una settimana i punti dovrebbero già essere tolti. Il ritorno alle normali attività quotidiane è previsto dopo 7-14 giorni.
Il vantaggio più grande di questo intervento è che, nonostante la minore invasività, i risultati permangono per almeno 10 anni.

Un’attenta visita pre operatoria presso un medico affidabile e competente è d’obbligo, soprattutto perché il MACS lift richiede abilità chirurgica ed esperienza elevate.
La dott.ssa Alessia Buscarini, che opera presso l’istituto The Clinic a Milano, è una rinomata esperta negli interventi chirurgici ed estetici al volto. Sempre attenta all’unicità dei pazienti e ai risultati che desiderano, sarà in grado di guidarvi nella scelta migliore per donare nuova giovinezza al vostro viso.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 23 agosto 2018