NUOVE APPLICAZIONI DI BOTOX

BOTOX E MESOBOTOX

Nonostante sia in commercio da molto tempo e non possa essere quindi considerata una novità, alcune nuove applicazioni del botox rappresentano una vera rivoluzione.

Infatti la tossina botulinica di tipo A è riconosciuta a livello internazionale come migliore trattamento in mercato per trattare tutte le rughe della parte superiore del volto (rughe della fronte, glabellari, perioculari meglio conosciute come “ zampe di gallina”), al contrario dei fillers che invece fanno da padroni per il trattamento della parte inferiore del viso.

Nuove aree di applicazione del botulino, finora considerate off limits sono quelle del terzo medio ed inferiore del volto.

Infatti è possibile trattare aree differenti, quali il codice a barre (rughe del labbro superiore o rughe del fumatore) che corrette provocano anche una leggera eversione delle labbra, gli angoli della bocca (agendo sul muscolo depressore dell’angolo della bocca) per dare al paziente un aspetto meno triste, gli angoli della mandibola per definire il contorno mandibolare ( NEFERTITI LIFT) e la regione mentale quando ha un aspetto tipo pallina da golf.

Inoltre è molto efficace l’impiego sul naso per rialzare la punta ed eliminare le bunny lines (rughe che si creano sul dorso del naso quando si ride), il gummy smile (quando si vedono le gengive sorridendo) e sul collo per correggere cordoni verticali ed orizzontali.

Ovviamente questa nuova applicazione del botox deve essere eseguita da un chirurgo plastico esperto e non da medici “improvvisati” dopo un corso di medicina estetica della durata di qualche mese.

Un’ altra nuova metodica a disposizione del chirurgo plastico viene definita Mesobotox. Consiste nell’infiltrazione di sostanze biorivitalizzanti come aminoacidi, vitamine, acidi nucleici e sali minerali e una minima quantità di botox molto diluita per ottenere un effetto di distensione e maggior idratazione. Si tratta di una valida tecnica che, a seconda delle indicazioni e dei risultati che si desiderano ottenere, può essere usata in maniera isolata o come complemento ad altre metodiche anti-aging.

 

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 8 aprile 2011