My Beauty Blog

Trattamenti e filler su viso e occhi: l’età é nello sguardo

L’utilizzo di fillers a base di acido ialuronico permette di ringiovanire l’area contorno occhi per correggere o eliminare le rughe, le occhiaie e i segni dell’invecchiamento cutaneo.

Come eliminare le occhiaie

I risultati non sono garantiti – gli esiti variano da persona a persona

L’acido ialuronico, un aiuto naturale

Questo tipo di trattamenti diventa sempre più popolare, ma molti, pensando a qualche prodotto chimico iniettato sottopelle o ad una sostanza irritante, non sanno che cosa sia in realtà questa molecola. In realtà l’acido ialuronico è presente naturalmente nella nostra pelle, ma anche nei tendini, nell’aorta e nei vasi sanguigni, nella cartilagine e persino nel cordone ombelicale. Dona elasticità e turgore all’epidermide, perché immagazzina l’acqua e la rilascia al bisogno, crea una barriera contro le sostanze tossiche e ripara i tessuti danneggiati. Ecco perché si utilizza questa sostanza naturale nei fillers estetici per spianare le rughe, togliere le occhiaie o dare volume alle labbra, perché non crea allergie, ma trattiene l’acqua, aiutando a mantenere l’idratazione cutanea, il tono e l’elasticità della pelle.

Fillers estetici, trattamenti anti età

Con il progredire dell’età la nostra pelle mostra segni di invecchiamento e perde elasticità e turgore. Molte donne soffrono la prova specchio, soprattutto quando ciò avviene a livello dello sguardo: le rughe del contorno occhi, le occhiaie, quegli inestetismi tipici del passare del tempo che appesantiscono e affaticano l’espressione. Per ovviare a questi problemi il filler a base di acido ialuronico é lo strumento più collaudato ed efficace. Si tratta di iniezioni sottocutanee nelle zone del viso interessate dalle rughe, che l’acido ialuronico riempie (dall’inglese to fill, riempire) riducendone la profondità. È essenziale, però, che il trattamento sia effettuato da una mano esperta e competente come quella del chirurgo plastico estetico, lo specialista in grado di assicurarvi un risultato ottimale.

La soluzione per borse ed occhiaie

È noto che i fillers estetici sono utilizzati contro le rughe orizzontali della fronte, quelle periorali e periorbitali (bocca e occhi), ma anche per aumentare o ripristinare il volume delle labbra e dello zigomo. Meno noto è che l’infiltrazione in loco di sostanze biocompatibili permette di combattere il cedimento della pelle nella palpebra inferiore, le cosiddette borse palpebrali, e di eliminare il segno delle occhiaie. Nella zona delle palpebre infatti vi è un’iper-pigmentazione della cute, che associata alla presenza di un tessuto molto vascolarizzato, quindi scuro, genera l’effetto panda sotto agli occhi. I fillers cutanei permettono di schiarire e volumizzare questa zona, ridonandoci un viso fresco e un’espressione riposata e giovanile.

Togliere le occhiaie con i fillers di acido ialuronico

I risultati non sono garantiti – gli esiti variano da persona a persona

In genere i trattamenti vanno ripetuti: considerando le variazioni individuali e le zone in cui viene iniettata la sostanza, possiamo considerare una durata da 8 a 10 mesi. Tuttavia nella zona palpebrale l’acido ialuronico viene riassorbito più lentamente, per cui è sufficiente ripetere il trattamento anche dopo un anno, perché si tratta di una zona dove i muscoli si contraggono poco.

Una pelle sana e bella

Il prezioso aiuto del chirurgo plastico estetico deve essere associato ad uno stile di vita adeguato. Stress eccessivo e fumo, una cattiva alimentazione, troppo tempo davanti allo schermo del computer o un’esposizione prolungata al sole possono danneggiarci. Dobbiamo imparare a rispettare la nostra salute e a leggere la nostra pelle, che segnala immediatamente gli stati di malessere. In particolare va curata l’espressione del viso: il chirurgo plastico estetico può ottenere ottimi risultati con i fillers, trattamenti poco invasivi e con ridotti effetti collaterali, vale a dire un leggero rossore, gonfiore e raramente qualche ecchimosi, effetti risolvibili in pochi giorni per un risultato di bellezza naturale.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 19 ottobre 2016