My Beauty Blog

RESTORE LIFTING: IL MEGLIO DELLA MEDICINA ESTETICA SOFT PER IL VISO

Il risultato di un vero e proprio lifting senza dover affrontare il post-operatorio che un intervento tradizionale di chirurgia plastica comporta: vediamo insieme quali sono i migliori trattamenti soft per regalare al viso un bel po’ di anni in meno, mantenendo naturalezza, armonia e individualità.

La bellezza è una percezione soggettiva, certamente: tuttavia è innegabile che negli ultimi decenni sia in atto un allineamento di canoni estetici davvero impressionante.

Mantenere la propria individualità estetica, rispettando i propri lineamenti proporzioni del viso, a mio avviso, è invece molto importante: per questo motivo sono una grande sostenitrice di tutto ciò che è considerato “soft”, cioè un approccio morbido e il più naturale possibile a nuovi trattamenti di medicina estetica.

Ciò non toglie che, nell’ambito della chirurgia estetica, un lifting tradizionale, se condotto da mani esperte e nel rispetto dei tratti distintivi personali, sia un’ottima soluzione: tuttavia, dove possibile, se dei trattamenti meno invasivi sono attuabili, perché non approfittarne?

Possiamo raggruppare i migliori interventi di medicina estetica soft per il viso in ciò che possiamo chiamare Restore Lifting: vediamo insieme quali sono i trattamenti più efficaci cui è consigliabile sottoporsi, anche in combinazione tra di essi.

 

Acido Ialuronico: l’acido ialuronico è un elemento naturale della nostra pelle, uno dei principali componenti che ne mantiene elasticità, pienezza e turgore.

La struttura chimica intrinseca dell’acido ialuronico le regala numerosissime proprietà che lo rendono assai utile sia in campo medico sia in campo estetico.

La sua capacità di legare acqua e altre sostanze dà infatti origine anche a gel protettivi, particolarmente utili per la pelle e le articolazioni.

Stimolando la formazione di collagene e tessuto connettivo l’acido ialuronico è in grado di proteggere l’organismo da virus e batteri, di aumentare la plasticità dei tessuti e di garantire l’ottimale idratazione cutanea. Ha inoltre proprietà cicatriziali ed antinfiammatorie.

Viene facilmente ricavato in laboratorio e, a parte isolati casi di ipersensibilità alla sostanza, è privo di controindicazioni o di effetti collaterali.

La naturale concentrazione di acido ialuronico della nostra pelle dopo i 25 anni di età tende a diminuire, per questo motivo le infiltrazioni di filler a base di acido ialuronico sono assai utili per riattivare il ricambio cellulare, stimolandone la funzionalità cellulare e restituendo alla pelle compattezza, elasticità e turgore. Viene infatti impiegato per minimizzare solchi e rughe più o meno profondi, per ridare volume e pienezza in maniera naturale senza stravolgere l’equilibrio del viso.

L’effetto non è permanente poiché è progressivamente assorbito dall’organismo e i trattamenti possono essere ripetuti a intervalli di tempo regolari, ogni 5-6 mesi circa o secondo la necessità.

 

Radiesse: Radiesse è un filler unico nel suo genere e a mio avviso il migliore nella categoria.

Più il viso è giovane, più la pelle è tesa e i contorni definiti: il viso ha una forma a V.

Guardandosi allo specchio si potrà notare che il viso è lo stesso ma ha perso un po’ di forma e, in alcune zone, si sono formate rughe più o meno marcate. Questo fisiologico processo è del tutto normale: dopo i 40 anni il processo di rigenerazione della pelle rallenta ed essa perde tono, elasticità, idratazione e compattezza e compaiono rughe attorno a naso e bocca ed a volte anche sul mento.

Contemporaneamente, i sottili strati di grasso sottocutaneo, necessari per mantenere la pelle distesa e liscia, si degradano lentamente soprattutto su zigomi, guance e contorno mandibolare.

Il naturale triangolo della gioventu’ o “ effetto V” del volto via via perde la sua forma e definizione, tono e il volume si riduce.  Le guance si infossano, il mento e gli zigomi perdono consistenza ed il viso si allarga verso il basso.

Da oggi il triangolo della gioventù si può recuperare grazie ad un nuovo filler, Radiesse, riassorbibile e completamente biocompatibile con il nostro organismo, che non provoca cioè alcuna allergia o intolleranza. E’ costituito da una soluzione in gel acquosa di microsfere di idrossiapatite di calcio che gradualmente stimola la produzione di collagene naturale e che iniettato con sottili aghi dove la pelle ha perso volume, tono e compattezza restituisce la naturale freschezza al viso.

Come l’acido ialuronico, anche Radiesse non è permanente e viene progressivamente metabolizzato; la procedura di infiltrazione è rapida, comoda e indolore e il trattamento dura circa 12 mesi.

Sia l’acido ialuronico che Radiesse sono biocompatibili al 100%  (pertanto anallergici), e hanno un’azione immediata.

 

Laser CO2 frazionato microablativo con radiofrequenza: si tratta di un’apparecchiatura di terza ed ultima generazione in grado di correggere le imperfezioni cutanee come macchie solari e pigmentazioni e contrastare gli effetti del tempo, come rughe e lassità, agendo in modo unico sulla rigenerazione dei tessuti con conseguente ringiovanimento. È ideale per trattare anche le aree finora considerate “proibite”, come il collo, il decolleté, le mani, l’interno braccia e l’interno cosce e permette di effettuare un lifting mini-invasivo dell’area attorno agli occhi.

La Radiofrequenza completa e potenzia in profondità gli effetti più superficiali del laser CO2, donando alla cute nuova elasticità, compattezza, tono e turgore.

Il trattamento dura circa 30 minuti. Il numero di sedute varia in base al grado di invecchiamento ed al fototipo della pelle.

Risultati immediati sono visibili anche dopo una sola seduta. L’effetto è cumulativo e duraturo. Dopo il trattamento si possono riprendere le normali attività quotidiane, l’unica precauzione è utilizzare una fotoprotezione solare per circa un mese.

In relazione al problema ed alla potenza utilizzata per risolverlo, può comparire un modesto rossore e gonfiore di grado variabile che si risolve al massimo in 2-3 giorni.

 

Lipofilling: il lipofilling consiste nella correzione di inestetismi attraverso il contestuale prelievo ed del proprio grasso e reimpianto in zone che hanno perso volume. Con il lipofilling è possibile intervenire e rimodellare zigomi, guance e mento, volumizzare le labbra e appianare le rughe. Eseguito in day-surgery e con anestesia locale, il lipofilling è un trattamento sicuro ed efficace, replicabile nel tempo e con tempi di ripresa molto rapidi.

Per avere risultati stabili nel tempo è necessario ripeterlo 2-3 volte a distanza di qualche mese. Dopo 2-3 sedute i risultati si mantengono nel tempo ed essendo estremamente naturali, fanno del lipofilling uno dei trattamenti più richiesti ed eseguiti degli ultimi anni.

 

Fili biostimolanti: il principio su cui si basano i fili biostimolanti è molto semplice, cioè stimolare i tessuti affinché producano collagene, il quale restituisca un aspetto più giovanile e rassodato. Oltre che nella rigenerazione, i fili biostimolanti possono essere impiegati anche nella trazione di tessuti, praticamente senza effetti collaterali , con una minima invasività e un risultato assolutamente naturale.

L’intervento non prevede incisioni ma soltanto l’impiego di un sottile ago e prevede due tipi di benefici: il primo è il sostegno, permettendo di risollevare sopracciglia, zigomi, guance, collo con la quasi totale assenza di gonfiore e lividi e consentendo nella maggior parte dei casi una ripresa immediata post-trattamento.

Il secondo è la stimolazione naturale, con un conseguente rassodamento dei tessuti, l’eliminazione delle piccole rughe del viso e il consolidamento di aree che tendono a svuotarsi. L’effetto non è legato alla tensione dei fili bensì alla loro stessa presenza.

Un trattamento richiede circa 20-30 minuti e non ha effetti collaterali, se non qualche rara presenza di piccoli ematomi, causati dall’inserimento dell’ago.

I fili, realizzati in materiali biocompatibili, scompaiono, cioè vengono riassorbiti e degradati nell’arco di 3-5 mesi e l’effetto può durare anche 1 anno.

 

Biostimolazione: la biostimolazione del viso è considerata un trattamento di medicina estetica soft e consiste nell’infiltrare il viso, il collo ed il decolleté con diverse sostanze, tutte biocompatibili poiché già presenti nel nostro corpo, come i complessi poli-vitaminici e gli antiossidanti (come l’acido ialuronico).

Lo scopo della biostimolazione consiste nel restituire alla pelle luminosità ed idratazione stimolandone i fibroblasti, cioè le cellule che producono collagene, elastina, acido ialuronico,

La tecnica di biostimolazione si realizza attraverso diverse iniezioni eseguite con aghi sottilissimi e pressochè indolore.

Il trattamento prevede circa 3-4 sedute a distanza di un paio di settimane circa l’una dall’altra, ripetibili una volta all’anno per esaltarne e mantenerne benefici ed effetti.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 4 agosto 2014