My Beauty Blog

LA CHIRURGIA ESTETICA PER LE LABBRA: I FILLER

Anche le labbra sono vittime del tempo che passa: l’invecchiamento delle labbra è un argomento che interessa moltissime donne, alle quali piacerebbe mantenere la turgidezza e l’aspetto giovanile di una delle parti più importanti ed espressive del viso. Le piccole rughe, le increspature e i segni del tempo colpiscono soprattutto le labbra sottili, che più di altre potrebbero avere, con il passare degli anni, bisogno di un aiutino: in questo articolo vedremo insieme come è possibile recuperare l’aspetto turgido e giovanile delle labbra grazie a trattamenti soft di chirurgia estetica, cioè i filler. 

PERCHE’ UN FILLER?

Le rughe, le pieghe e i solchi che si formano sul viso, sulle labbra e intorno ad esse – come le cosiddette rughe codice a barre – sono causati da un normale processo di invecchiamento; condizioni specifiche della pelle, stile di vita e abitudini più o meno errate possono accelerarne o rallentarne la comparsa. Il processo di disidratazione cui va incontro il tessuto comporta una perdita di volume (volume liquido, in questo caso) al quale sono direttamente connesse le rughe e la loro profondità.

Le normali creme, sieri e balsami idratanti, pur importantissimi per la cura della pelle e delle labbra, non riescono a arrivare agli strati profondi della cute e del derma, ricostituendone l’equilibrio desiderato. Per questo motivo i filler  impiegati in medicina estetica sono diventati il trattamento di riferimento per risolvere il problema delle rughe superficiali che si formano sul viso e nella zona delle labbra: sono senza dubbio i trattamenti più efficaci, pratici e risolutivi.

I migliori filler utilizzati in medicina estetica per restituire turgore a labbra sottili o dall’aspetto invecchiato, a rughe sopra le labbra (a codici a barre), ai lati della labbra (da marionetta) oppure naso-labiali contengono acido ialuronico: grazie alla sua caratteristica osmotica, l’acido ialuronico solleva immediatamente la depressione causata dalla ruga, restituendo pienezza e volume. L’effetto riempitivo è immediato, è naturale e non permanente: questo permette di raggiungere gli obiettivi a poco a poco nel tempo, fermandosi quando si è soddisfatti di ciò che si è ottenuto, senza rischiare di ritrovarsi labbra eccessivamente gonfie, innaturali e dal chiaro sapore di labbra rifatte.

COME SI SVOLGE IL TRATTAMENTO?

Prima di sottoporcisi, teniamo in considerazione che:

  1. Fatevi spiegare con precisione la natura del trattamento ed il relativo risultato che è possibile ottenere, allo scopo di evitare eventuali delusioni delle vostre aspettative e per chiarire al vostro chirurgo plastico i vostri desideri.
  2. Il trattamento prevede solitamente più applicazioni: con una sola iniezione di filler durante un’unica seduta non è possibile ottenere il risultato desiderato, perché il trattamento è molto soft e rispettoso della fisiologia del corpo umano.

E’ doloroso? Il trattamento non è doloroso e non è invasivo: sulla zona interessata vengono applicate apposite creme anestetiche che impediranno di provare fastidio.

Quanto dura? Il tempo necessario per iniettare il materiale è di 10 minuti.

Dopo il trattamento? Dopo il trattamento la paziente può comparire un po’ di gonfiore nelle zone sottoposte ad iniezione, destinato a scomparire nelle ore successive anche grazie all’uso di una crema antinfiammatoria e decongestionante o del semplice ghiaccio. Non è necessario prendere particolari precauzioni, però è necessario evitare di esporsi al sole, evitare trucco e consumo di alcolici fino alla scomparsa del gonfiore. E’ inoltre necessario non assumere altri farmaci che non siano concordati con il vostro chirurgo plastico.

ESISTONO ALTRI FILLER?

Oltre ai filler a base di acido ialuronico – che rimane comunque la scelta migliore – esistono altri tipi di materiale, sempre di sintesi, come l’acido polilattico, l’alcool polivinilico, la polialchilammide e altri, ma tutti biocompatibili.

QUANTO DURA IL TRATTAMENTO?

Di solito dura dai 3 mesi a un anno, in base al tipo di acido ialuronico utilizzato e dal trattamento eseguito.

I risultati del trattamento filler per le labbra sono praticamente immediati anche se non definitivi: nella maggior parte dei casi servono due o tre sedute prima di ottenere l’effetto desiderato, soprattutto quando ci troviamo di fronte a rughe mediamente marcate.

L’acido ialuronico è una sostanza naturale già presente nell’organismo e viene riassorbito dal corpo del tutto nel giro di alcuni mesi; tuttavia, la durata dei risultati può variare da persona a persona.

I riempimenti volumetrici di labbra durano fino a 3-8 mesi e richiedono un acido ialuronico a bassa densità, mentre i riempimenti volumetrici di altre parti del viso, come gli zigomi, durano anche fino a un anno e richiedono filler ad alta densità.

E IL LASER?

Un altro trattamento molto efficace per intervenire sulle rughe e le imperfezioni presenti nella zona intono alle labbra è il Laser Skin Resurfacing: grazie all’impiego del Laser CO2 Frazionato il vostro chirurgo plastico di fiducia sarà in grado di eliminare quelle sottili rughe intorno alle labbra (per esempio nella zona naso-labiale, le cosiddette rughe “codice a barre”); per le rughe più profonde, invece, è preferibile ricorrere ai filler.

AZIONE COMBINATA:

E’ possibile anche utilizzare i filler e il Laser CO2 Frazionato in azione combinata perché, soprattutto dopo una certa età, è possibile che siano presenti sia reticoli di rughe sottili, sia rughe più profonde.
Il Laser CO2 Frazionato è una procedura sicura ed efficace, non invasiva e che permette un recupero molto rapido: il laser viene guidato da un computer e nel corso del trattamento le fibre di collagene si retraggono, inducendo una maggior tensione della cute; i successivi processi di guarigione inducono la produzione di nuovo collagene nella parte più profonda della pelle. L’azione selettiva di vaporizzazione del laser CO2 frazionato consente di eliminare o correggere gli inestetismi superficiali della cute del viso come rughe sottili, pori dilatati, pigmentazioni senili, macchie solari, cheratosi, cicatrici da acne o di diversa natura.
Il trattamento dura circa 30 minuti, durante i quali viene applicata una crema anestetica. Le sedute possono essere ripetute a distanza di un mese. Nei tre giorni successivi al trattamento è normale la comparsa si un gonfiore, che sparirà completamente nel giro di una settimana al massimo; è consigliabile evitare l’esposizione al sole per due settimane.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 1 settembre 2015