My Beauty Blog

PREPARIAMOCI ALL’ESTATE: I TRATTAMENTI DI MEDICINA ESTETICA PIU’ RICHIESTI IN PRIMAVERA

Quali sono i trattamenti di medicina estetica più richiesti in primavera? Perché è preferibile affrontarli prima dell’estate? Vediamo insieme quali sono quelli più gettonati in questo periodo e capiamo quali sono i motivi per i quali è meglio concentrare i ritocchi estetici prima dell’arrivo dell’estate.

L’estate comincia ad avvicinarci e molte persone, giustamente, approfittano del clima mite ma non ancora caldo e afoso per pensare a darsi “un’aggiustatina” in vista della prova costume.

Già in alcuni miei precedenti articoli ho sottolineato come la primavera sia probabilmente la stagione migliore per sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica o estetica, decidendo insieme al vostro chirurgo di fiducia quali possano essere i ritocchi di cui avete bisogno, rispettando sempre l’armonia e le proporzioni del vostro corpo, senza cercare di trasformarvi. Pensate sempre alla chirurgia plastica come a un’occasione per far emergere il meglio di voi stesse, non di ciò che non siete.

In questo articolo voglio condividere con voi quelli che sono i 3 trattamenti più richiesti in primavera, in cosa consistono, quali sono i risultati che si possono ottenere e perché è meglio affrontarli in questo periodo.

 

1. BOTOX E FILLER ALL’ACIDO IALURONICO

Vediamo innanzitutto la differenza tra botox e filler:

il botox è un farmaco utilizzato in chirurgia estetica ed è costituito da tossina botulinica di tipo A purificata, la cui iniezione provoca il blocco dell’impulso nervoso ai muscoli, che quindi si contraggono meno e in maniera più appropriata e controllata.

Sicuramente la tossina botulinica può ridurre e attenuare le rughe di espressione causate da un uso continuo dei muscoli mimici della fronte come corrugare le sopracciglia, oppure arricciare il naso, avere un’espressione sempre corrucciata e preoccupata. Il botulino può intervenire sulle rughe frontali, sulle rughe intorno alla bocca e sui solchi glabellari, sulle zampe di gallina intorno agli occhi.

Il trattamento con il botulino è ambulatoriale, senza ricovero e senza anestesia, e dura circa 15-20 minuti. La tossina botulinica è iniettata con una piccola siringa in ridotta quantità all’interno dei muscoli mimici, dai quali si originano le rughe d’espressione da eliminare.

Dopo l’infiltrazione, il viso si presenta leggermente arrossato per pochi minuti.

Occasionalmente può presentarsi un livido che però tende a riassorbirsi in pochi giorni. Possono insorgere solamente dei leggeri bruciori per qualche minuto, ma è raro. Già dopo poche ore dall’infiltrazione di botulino è possibile truccarsi e ci si potrà esporre al sole dopo pochi giorni. La ripresa di tutte le normali attività è immediata e i risultati durano circa 6 mesi.

 

Cosa sono i filler?

I filler impiegati nella medicina estetica vengono utilizzati per correggere numerosi inestetismi, in particolare per livellare le rughe causate proprio dalla perdita di acido ialuronico la cui produzione diminuisce dai 25 anni in poi , per inturgidire labbra sottili e prive di volume, per volumizzare zigomi cadenti, per un rimodellamento del profilo del volto naturale ed armonioso. Sono disponibili diversi tipi di filler (sostanze adatte al riempimento delle rughe) con caratteristiche diverse. Quelli a base di acido ialuronico sono considerati i migliori perché non hanno effetti collaterali, non richiedono il test d’allergia, conferiscono alla zona trattata un modellamento naturale e si riassorbono in qualche mese. La seduta non richiede la preparazione accurata degli interventi di chirurgia estetica poiché oggettivamente non si tratta di chirurgia in senso stretto, ma di sedute ambulatoriali di medicina estetica che non prevedono incisioni.

In relazione allo specifico inestetismo da trattare, il chirurgo procederà con la scelta del tipo di acido ialuronico: ne esistono di differenti densità e il loro utilizzo è sempre specifico. La seduta potrà essere eseguita senza anestesia se il paziente sopporta il leggero pizzico provocato dalle iniezioni del trattamento. In caso contrario, sarà possibile procedere con anestesia in loco (crema anestesiologica). Rispetto alle tecniche chirurgiche tradizionali usate per il ringiovanimento e l’aumento di volume di alcune porzioni del viso, i filler presentano alcune caratteristiche che li rendono la soluzione ideale per intervenire su lievi inestetismi e ottenere un viso riposato e giovanile e dalle armoniche curve naturali, senza i rischi e l’invasività di un intervento classico.

 

2. AQUALYX

Aqualyx è un trattamento di intralipoterapia che rappresenta la più innovativa, veloce ed efficace tecnica in grado di eliminare definitivamente gli accumuli localizzati di adipe in zone come pancia, fianchi, cosce, glutei, coulotte de cheval e ginocchia.

Aqualyx è infatti una sorta di liposcultura non chirurgica in grado di agire sulla quantità di cellule del tessuto grasso e non sul loro volume: per questo motivo il trattamento può essere considerato stabile e non temporaneo. Le cellule adipose possiedono la peculiarità di poter diminuire oppure aumentare di dimensione, ma non hanno proprietà rigenerativa, quindi non ricostituirsi: per questo motivo, una volta eliminate, non possono riformarsi.

Il trattamento può comportare solo una minima dolenzia locale che tuttavia scompare in un paio di giorni. E’ importante massaggiare la zona trattata per favorire il distribuirsi del prodotto per un paio di giorni circa.

Le sedute sono pressoché indolori e si eseguono ambulatorialmente, in genere ogni 20-30 giorni e solo per mano di medico esperto nella procedura.

La ripresa delle attività abituali del paziente è immediata e i risultati sono visibili già nell’arco delle prime settimane: progrediscono ulteriormente in virtù della continuazione dei trattamenti.

 

3. BIORIVITALIZZANTI

La biorivitalizzazione cutanea è un trattamento non chirurgico finalizzato al ringiovanimento della pelle e basato sul recupero fisiologico di luminosità, elasticità ed idratazione.

La biorivitalizzazione avviene attraverso l’iniezione di alcune sostanze come acido ialuronico e vitamine in grado di stimolare le cellule di sostegno del derma (i fibroblasti) a produrre nuovi elementi base e nuove fibre come collagene ed elastina di appoggio. L’acido ialuronico è infatti essenziale per la formazione della matrice di collagene e di fibre elastiche e per il mantenimento dell’idratazione cutanea.

Una buona parte dell’acido ialuronico dell’organismo è eliminato naturalmente e sostituito ogni giorno: tuttavia, nel tempo, le alterazioni di produzione dell’acido ialuronico (che diminuisce progressivamente) sono da annoverare tra le cause dell’invecchiamento cutaneo.

La biorivitalizzazione, associata talvolta ad altre componenti amminoacidiche e vitaminiche, è stata pensata proprio per intervenire e supportare un incremento di collagene ed elastina nel derma: in questo modo la pelle risulta da subito più compatta e tonica e il risultato dura per alcuni mesi. La seduta è di breve durata e consiste nell’iniezione sottocutanea attraverso aghi molto sottili (quindi con scarso o persino nessun fastidio) di alcune sostanze nel derma superficiale. Le micro iniezioni sono praticate ad una distanza specifica l’una dall’altra in modo da formare una sorta di reticolo. La sostanza iniettata si distribuirà uniformemente e già nei primi giorni successivi all’infiltrazione, sarà possibile notare un miglioramento nel grado di idratazione e di nuova luce della pelle. I risultati saranno progressivi e duraturi nel corso dei mesi. Il trattamento potrà poi essere ripetuto come mantenimento dei risultati.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 4 maggio 2015