VIVERE SANI & BELLI FEBBRAIO 2012

Rassodare Braccia e Gambe con Laser e Radiofrequenza

E’ possibile grazie al nuovo Laser CO2 Frazionato Microablativo associato a Radiofrequenza rassodare la pelle delle braccia e delle cosce.

La Dr.ssa Buscarini è intervistata su Vivere Sani e Belli.

Ecco il testo dell’articolo:

Più toniche con una soluzione soft

come ci spiega la consulenza della dr.ssa Buscarini specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica a Milano.

Con il passare del tempo i tessuti dell’interno braccia gambe tendono a cedere, togliendo armonia alla figura. Ai primi stadi del problema è possibile intervenire in modo non invasivo con una tecnica che stimola la produzione delle sostenta naturali di sostegno, a effetto rassodante.

La colpa non è solo del passare del tempo. Anche la mancanza di moto ed un’alimentazione distratta possono favorire la perdita di tono dei tessuti. I punti più esposti ai cedimenti sono quelli che, per natura, presentano una cute sottile e poco nutrita, come l’interno delle braccia e delle cosce. Movimento, dieta e l’uso regolare dei cosmetico possono essere d’aiuto, ma per affrontare con maggior sicurezza di risultati un inestetismo che tende a peggiorare con il tempo occorrono interventi mirati. Una possibile soluzione è il ricorso alla chirurgia, che impiega tecniche sicuramente efficaci, come il lifting delle braccia e delle cosce, ma risultano molto impegnative e lasciano inevitabili cicatrici. Tra i trattamenti di medicina estetica non invasivi ed economicamente abbordabili, uno dei più moderni associa un laser co2 di ultima generazione con la radiofrequenza, per intervenire con decisione contro il rilassamento di cosce e braccia e restituire alla figura un profilo più compatto e meglio definito.

Laser + radiofrequenza: combinazione vincente

Per ringiovanire zone delicate come l’interno delle braccia e delle cosce è molto utile associare il laser di ultima generazione con la radiofrequenza, che le moderne apparecchiature condensano in un’unica sorgente, in modo da sfruttare con una sola applicazione entrambe le tecnologie.

  • la combinazione tra il laser co2 frazionato micro ablativo di terza ed ultima generazione e la radiofrequenza genera un riscaldamento perfettamente controllato e preciso dei tessuti, in grado di stimolare l’attività dei fibroblasti, in modo che queste cellule producano nuovo collagene, ricreando così una struttura di sostegno forte e resistente.
  • il laser lavora in superficie, mentre la radifequanza raggiunge anche le zone più profonde garantendo così un’azione tonificante a tutti i livelli. Risultato: i tessuti recuperano tono e i cedimenti diventano meno evidenti.
  • tutto questo in modo veloce ed indolore con la possibilità di riprendere subito le consuete attività e senza il rischio che rimangano antiestetiche cicatrici visibili, come nel caso dei lifting chirurgici.

3-6 sedute sono l’ideale nei casi meno importanti

Come avviene la seduta:

Non è necessaria alcuna preparazione prima della seduta se non evitare di applicare qualsiasi tipo di crema, per non interferire con l’azione del laser.

E’ bene anche non prendere il sole un mese prima ed un mese dopo il trattamento, per evitare la formazione di macchie scure.

  • a differenza del volto, per il quale è difficile evitare l’esposizione solare, braccia e gambe possono essere facilmente coperte e questo consente di eseguire il trattamento anche nei mesi di maggio e giungo.
  • la seduta dura dai trenta minuti a un’ora.
  • il manipolo scanner del laser, gestito dallo specialista, viene passato sui punti dove i tessuti sono più rilassati, generando un riscaldamento perfettamente controllato ed estremamente preciso.
  • il passaggio non è doloroso perché l’apparecchiatura dispone di un sistema di raffreddamento che, attraverso l’emissione di un getto costante ma non fastidioso di aria fredda, rende il trattamento indolore. In questo modo si evita di utilizzare qualsiasi tipo di anestesia locale che, considerata la necessità di intervenire su zone particolarmente estese, potrebbe risultare impegnativa per l’organismo.
  • al termine della seduta la cute può presentare un leggero gonfiore ed arrossamento, di entità variabile in base alle caratteristiche individuali, che può essere ridotto grazie ad impacchi freddi.
  • prima di tornare a casa, viene applicata una crema idratante che la persona dovrà continuare ad utilizzare anche nei 4-5 giorni successivi.

I risultati sono immediati e duraturi

Il miglioramento del tono cutaneo può essere visibile anche dopo una sola applicazione.

L’effetto del trattamento, però, si potenzia con l’aumentare delle sedute e si mantiene nel tempo.

  • il numero dei trattamenti necessari per restituire tono alle zone rilassate varia in base al grado di cedimento, ma anche al fototipo della pelle.
  • indicativamente, si parte da tre per arrivare a sei, da eseguire a distanza di circa 2 mesi l’una dall’altra.
  • nei casi di una perdita di tono significativa, in cui il numero di sedute finirebbe per essere alto, è opportuno prendere in considerazione l’intervento chirurgico di lifting a braccia e cosce.
  • il costo delle sedute varia in base all’estensione della zona da trattare, dai 300 ai 600 euro.

Anche per il viso

La tecnica che combina il laser frazionato con la radiofrequenza trova anche altre applicazioni in campo estetico.

Può essere impegata, per esempio, per correggere imperfezioni come le macchie della pelle e le iperpigmentazioni, oppure per contrastare con efficacia rughe e cedimenti del contorno viso, grazie alla sua azione rigenerante rassodante.

E’ indicata, inoltre, per ringiovanire le mani, il collo ed il decoltè e, per la sua dolcezza di azione, viene utilizzata persino su aree molto delicate, come il contorno occhi.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 5 febbraio 2012