The Blog

soluzioni per gambe perfette – SILHOUETTE 2018

GAMBE (IM)PERFETTE? ECCO LE SOLUZIONI:

Su Silhouette di Febbraio 2018 l’intervista alla Dr.ssa Alessia Buscarini ed al Dr. Andrea Spano sui rimedi per avere gambe sempre perfette.

Caviglie e ginocchia possono essere due zone critiche nell’armonia degli arti inferiori. Ecco come trasformarle in punti di forza.

A volte possono sembrare zone di scarsa importanza mentre in realtà rappresentano punti strategici ch e influiscono sull’armonia di tutta la gamba. Caviglie pesanti e ginocchia grinzose tagliano infatti
gli arti inferiori togliendo slancio a tutta la figura. Ecco come intervenire quindi con la medicina e la chirurgia esteti-ca su questi due elementi chiave per la bellezza dell’intera silhouette. Non è solo una question e di grasso. «Caviglie e ginocchia possono creare insoddisfazione e richiedere interventi di miglioramento persino nelle persone magre che dedicano parecchio tempo all’attività fisica e seguono un’alimentazione equilibrata » spiega la dottoressa Alessia Glenda Buscarini, chirurgo plastico specialista in medicina estetica, direttore sanitario the Clinic a Milano.

«Nel caso delle ginocchia il primo problema sono gli accumuli localizzati di grasso che di solito si concentrano ai lati» spiega Buscarini. A questo si affianca un secondo tipo di inestetismo che riguarda la perdita di tono del tessuto epidermico e che determina la comparsa di una sottile ma evidente raggiera di pieghe sopra e sotto la rotula.
«Per le caviglie il discorso si fa ancora più complesso dal momento che in pochi centimetri si trovano ossa e muscoli che occupano spazio» continua la dottoressa. «Basta quindi che si depositi una minima quantità di tessuto adiposo in più perché questa parte della gamba assuma un aspetto gonfio e faccia perdere slancio a tutto l’arto inferiore» commenta l’esperta. «Ciò spiega quanto sia difficile intervenire efficacemente su questa parte che ritrova armonia con sforzi maggiori rispetto alle ginocchia».

In ogni caso occorre distinguere bene tra grasso e gonfiore, fenomeno frequente a livello delle caviglie soprattutto nelle donne che soffrono di problemi circolatori: l’edema, presente in modo particolare di sera, sparisce tenendo le gambe sollevate, passandole sotto il getto dell’acqua fredda oppure indossando le calze a compressione graduata.

NO ALLE DIETE

Tentare di rimodellare ginocchia e caviglie con la dieta è quanto di più sbagliato si possa fare» spiega la dottoressa Buscarini. «In entrambi i casi ci si trova infatti davanti a cuscinetti ben consolidati che resistono senza ridursi alle restrizioni più drastiche e anche all’attività fisica, senza dimenticare che un’ipotetica perdita del grasso in eccesso potrebbe far correre il rischio di ritrovarsi con un’importante lassità cutanea».

CON IL LASER

«La soluzione soft più innovativa per intervenire sugli accumuli localizzati è rappresentata da Sculpsure, un laser che scioglie l’eccesso di adipe in punti precisi in modo rapido e non invasivo» precisa il dottor Andrea Spano, chirurgo plastico ed estetico, direttore scientifico e fondatore di the Clinic a Milano. «Grazie a speciali applicatori che indirizzano il fascio di energia in modo mirato, il tessuto adiposo delle ginocchia viene sciolto in soli venticinque minuti per essere poi eliminato dal corpo naturalmente».

Il trattamento, approvato dalla FDA (Food and Drug Administration) che è l’organo più importante di controllo degli Stati Uniti, è indolore, non provoca rossori o gonfiori e permette così di riprendere subito le consuete attività. «Il trattamento con il laser presenta un altro vantaggio» continua l’esperto. «E in grado infatti anche di stimolare la produzione di collagene: la pelle si tende e appare più elastica e compatta». In genere basta una sola seduta. Indicato per accumuli di grasso non eccessivi, Sculpsure ha un costo a seduta di circa 600 euro. I risultati si notano dopo sei settimane e migliorano nell’arco dei tre mesi successivi per poi restare definitivi.

I risultati diventano evidenti dopo 6 settimane dal trattamento e migliorano progressivamente fino a diventare definitivi dopo tre mesi

LA COMBINAZIONE VINCENTE

Ci sono accumuli di grasso, sia sulle caviglie che sulle ginocchia, che pur essendo minimi, sono particolarmente tenaci magari perché presenti da molto tempo. «In questo caso al laser Sculpsure si può associare Aqualyx, trattamento dall’azione lipolitica» spiega la dottoressa Buscarini. «Aqualyx è una molecola “sciogli-grasso” naturale e senza effetti collaterali, che mima una liposuzione soft per eliminare l’adipe circoscritto e rimodellare la parte». La metodica prevede una serie di iniezioni con specifici aghi, senza necessità di anestesia oppure di incisioni, che non provocano dolore e che non hanno bisogno di medicazione; possono lasciare solo un po’ di gonfiore che si risolve in genere nell’arco di poche ore. «Il trattamento va ripetuto per tre-quattro volte a distanza di venti giorni per ottenere il massimo degli effetti che si mantengono poi per un tempo molto lungo» conclude l’esperta. Il costo varia da 200 euro a 40 0 euro a seduta, a seconda del numero di fiale utilizzate.

UN INTERVENTO PIU’ COMPLETO

Se gli accumuli di tessuto adiposo sono importanti oppure se si desidera un miglioramento ancora più significativo l’intervento più indicato è una miniliposuzione» spiega il dottor Spano. «Si tratta di un piccolo intervento chirurgico che può essere eseguito per migliorare la forma sia delle ginocchia che delle caviglie: il grasso in eccesso viene aspirato in pochi minuti attraverso micro-cannule collegate a un aspiratore che riescono così a rimodellare la parte». La procedura viene eseguita in anestesia locale e dopo un paio d’ore è possibile tornare a casa. «Le cannule sono così sottili che non lasciano segni o cicatrici nel punto di ingresso» continua Spano. «Al termine del trattamento rimane solo qualche livido che scompare in pochi giorni anche grazie all’aiuto di una guaina compressiva da indossare giorno e notte per qualche settimana, per favorire il riassorbimento degli edemi e migliorare l’adesione della pelle al tessuto sottocutaneo».

Per sottoporsi all’intervento è bene rivolgersi a cliniche che abbiano personale qualificato e apparecchiature di ultima generazione.
Il costo è di circa 5.000 euro. I risultati sono visibili sin dai primi giorni anche se per vedere gli esiti definitivi occorre attendere dai due ai tre mesi.

Quando il grasso localizzato è tenace o più abbondante si può ricorrere alla Liposuzione scegliendo tra la versione SOFT o quella MINI.

By   Dott.ssa Alessia Glenda Buscarini

Articolo del 1 febbraio 2018