Filler estate, quali controindicazioni?

Facciamo chiarezza

Chi non vuole portarsi in vacanza le fastidiose rughe sul volto, può ricorrere ai filler anche in estate, purché vengano seguite le dovute precauzioni.

Il viso è il nostro biglietto da visita, e vorremmo che fosse sempre impeccabile, soprattutto con l’arrivo della stagione estiva. Sappiamo che, di solito, le prime esposizioni ai raggi solari sono le più aggressive, perché la pelle ha bisogno di tempo per abituarsi gradualmente ai raggi UV. Per questo, molti si pongono interrogativi sulla possibilità di effettuare trattamenti rigeneranti o migliorativi soft e micro invasivi, preoccupati per le eventuali conseguenze.

La realtà, invece, è che non ci sono controindicazioni, anzi, determinati trattamenti possono prevenire la formazione di rughe di espressione dovute al sole, ad esempio quelle sulla fronte o sul contorno occhi. L’importante è seguire le regole del rinnovare, idratare e proteggere.

Trattamenti estetici filler in estate

Filler, botulino e biorivitalizzazione sono trattamenti di medicina estetica che servono a ringiovanire, idratare ed elasticizzare la pelle, e possono anche essere ottimi alleati prima dell’esposizione al sole. Il motivo è che riescono a rendere il viso più resistente ai raggi UV, limitando così l’invecchiamento cutaneo. Ecco perché non c’è da temere i filler durante l’estate.

Se dopo i trattamenti non ci sono arrossamenti, allora ci si può esporre al sole previo utilizzo di creme protettive, evitando però temperature troppo alte, che possono causare la comparsa di gonfiore localizzato oppure di macchie scure.

I trattamenti da evitare durante l’esposizione al sole, invece, sono quelli particolarmente esfolianti, perché assottigliano gli strati superficiali della pelle in maniera importante, e possono, quindi, causare discromie o macchie solari accentuate.

Quali sono le attenzioni da mantenere? 

Dopo il trattamento, è importante prendersi qualche giorno di pausa dall’esposizione ai raggi UV, al fine di diminuire la vasodilatazione, così come dagli sport particolarmente intensi. In presenza di eventuali gonfiori, è consigliabile attendere anche qualche giorno in più.
Dopodiché, si possono riprendere tutte le attività di routine e una vita normale, comprensiva dell’esposizione al sole o alle lampade solari.
Non dimentichiamo che, ogni volta che si espone la pelle al sole, è comunque fondamentale non rinunciare alle creme con un fattore di protezione adeguato.

Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento I campi obbligatori sono segnati da *
Specialista in Chirurgia Estetica, Chirurgia Plastica e Laserterapia.
Via Paolo da Cannobio 2, 20121 Milano
Infoline Centro: 02.89095050 | E-mail info@alessiabuscarini.it
P.iva n. 07293690967
Iscritti Sicpre