Microbotox e mesobotox

A differenza della classica tecnica di iniezione di tossina botulinica che agisce sui muscoli, il microbotox e il mesobotox utilizzano la tossina botulinica diluita.
La soluzione si inietta direttamente nella pelle utilizzando una siringa speciale con aghi molto sottili. Questa riesce a stimolare la produzione di collagene, portando a un ringiovanimento generale del viso.

Il trattamento tradizionale prevede l’iniezione della tossina botulinica in profondità, direttamente nelle zone intramuscolari.
Le aree trattate sono principalmente quelle che interessano i muscoli della parte superiore del viso; più raramente, possono essere trattate anche le aree di quella inferiore o del collo. Il botox, quindi, riesce a contrastare efficacemente le zampe di gallina, la ruga del leone, le rughe del pensatore e le rughe della marionetta.

Nel microbotx e nel mesobotox, invece, l’elevata diluizione della tossina botulinica rende il trattamento assolutamente privo di possibili effetti collaterali, su qualsiasi area del volto. In più, il grande vantaggio di questa soluzione è che la tossina botulinica diluita consente di appianare tutti i tipi di rughe. È quindi adatta anche per quelle che erano precedentemente difficili da trattare, tra cui le rughe verticali delle guance e quelle della linea mandibolare.

Cerchiamo però di capire più nello specifico cosa si intende quando parliamo di mesobotulino e microbotulino.

Il mesobotulino

Il mesobotulino o MesoBotox è il trattamento estetico nato una decina di anni fa che utilizza la tossina botulinica combinata con sostanze biorivitalizzanti, quali acido ialuronico, aminoacidi, vitamine, oligoelementi e antiossidanti.
L’obiettivo della soluzione, infatti, è quello di agire sulla qualità della pelle dando ai fibroblasti tutte le sostanze necessarie per agevolare la produzione di nuovo collagene ed elastina.

Il mesobotox, ad esempio, viene utilizzato quando la cute del paziente necessita solo di un miglioramento da un punto di vista qualitativo. Infatti, il mesobotulino si po’ effettuare sia in giovane età, per prevenire le rughe, sia in età più avanzata, per donare luminosità ai tessuti e distendere le rughe già comparse.

Il vantaggio del mesobotox, contrariamente al trattamento classico a base di tossina botulinica, in cui si mira a colpire un muscolo ben preciso, è che possono essere trattate porzioni molto ampie, in particolare tutte le zone che con il tempo sono diventate meno toniche e compatte.

Microbotulino

Il microbotulino o microbotox è un trattamento medico estetico molto più moderno che combina la tossina botulinica con acqua fisiologica.
La soluzione, dunque, agisce da sola, inducendo senza l’uso di biostimolanti un miglioramento della qualità della pelle pressoché immediato.

Il microbotox si sceglie quando i pazienti presentano problematiche particolari della pelle come: rossori, acne, pelle ispessita e aree psoriasiche.
Inoltre, questa soluzione è molto utile per migliorare la rosacea e la qualità della cute in generale, poiché rende tutte le zone in cui viene iniettata più luminose e lucide. In più, si utilizza anche per:

  • Ridurre le micro-rugosità,
  • Per ridefinire la linea mandibolare, quindi la tridimensionalità del viso,
  • Per ridurre dell’acne;
  • Pori dilatati.

Essendo poi una sostanza iper diluita, riesce a penetrare nel derma in maniera più omogenea, motivo per cui il viso appare ringiovanito in modo decisamente più uniforme. Non solo: il microbotox genera un effetto liftante del viso, donando alla pelle un aspetto molto più disteso ed elastico.

Quale scegliere?

Il microbotulino e il mesobotulino sono delle tecniche che non si possono sostituire al botox tradizionale. Servono solo quando si vogliono prevenire i segni dell’invecchiamento cutaneo ma non quando ci sono particolari problematiche alla pelle.

Ci tengo quindi a specificare che quando ci si affida a medici estetici esperti, la maggior parte delle volte, il viso viene trattato con la tossina botulinica pura.
Infatti, mi è capitato raramente di utilizzare la tossina botulinica diluita poiché, negli anni, ho notato che il botox tradizional ha effetti più duraturi e immediati.

Personalmente, cerco sempre di scegliere sempre il trattamento più adatto, mirato ed efficace per le mie pazienti. Ad esempio, se il viso non ha ancora mostrato i segni del tempo e quindi il paziente desidera un trattamento preventivo, prediligo il filler di biorivitalizzanti e non il botox diluito.
Stessa cosa per il trattamento di acne, pori dilatati o rosacea: trovo che le metodiche laser siano decisamente più efficaci.

Potrebbero interessarti anche

1 commento per questo articolo
  1. Marco

    Buongiorno Dott.ssa Buscarini..
    Volevo chiederle se con il microbotox andrei ad attenuare i due cordoli del Platisma sotto il mento. Ho un leggero accenno ma guardandomi mi infastidisce. Se si , pressapoco la durata del risultato si aggirerebbe intorno a quanti mesi? Ed il costo? In attesa le auguro una buona giornata.

Lascia un commento I campi obbligatori sono segnati da *
Specialista in Chirurgia Estetica, Chirurgia Plastica e Laserterapia.
Via Felice Cavallotti 13, 20121 Milano
Infoline Centro: 02.49656081‬ | E-mail info@alessiabuscarini.it
P.iva n. 07293690967
Iscritti Sicpre