Ringiovanimento mani Radiesse

Scopri la magia di questo filler

Anche le mani rivelano l’età. Con il ringiovanimento mani Radiesse potrai impedirglielo.

Le mani invecchiano, forse anche prima e più del volto. La buona notizia è che, da qualche anno, è arrivato il ringiovanimento mani Radiesse, un trattamento in grado di ripristinare il volume e levigare l’epidermide, riducendo le rughe.

Approvato dall’UE e dal FDA americano, Radiesse è l’unico filler dermico per le mani e vanta più di 200 studi medici su oltre 5000 pazienti, cosa che lo rende uno dei prodotti più testati e sicuri nel campo dei trattamenti estetici.

 

Ringiovanimento mani Radiesse: cos’è e quali sono i suoi effetti

Biocompatibile e completamente riassorbibile, il filler Radiesse è composto al 30% da microsfere di idrossiapatite di calcio, composta da calcio e fosfato, elementi già presenti nelle ossa e nei denti. Il restante 70%, invece, non è altro che una soluzione acquosa in gel, in grado di trasportare l’idrossiapatite dove serve.

Il ringiovanimento mani Radiesse combatte efficacemente l’invecchiamento, riducendo le rughe, distendendo la pelle e ripristinando il volume perduto. Per questo motivo è un validissimo aiuto anche per i pazienti più giovani, che lamentano, però, la cosiddetta “scheletrizzazione” delle mani, quel processo per cui queste divengono molto magre, con ossa, tendini e vene troppo in evidenza.

Grazie all’aumento del volume e alla riduzione di rughe, le mani risulteranno più giovanili e armoniose fin da subito, sebbene per apprezzare fino in fondo i benefici del trattamento ringiovanimento mani Radiesse, sarà necessario attendere il tempo sufficiente affinché l’idrossiapatite stimoli la produzione di nuovo collagene.

 

Come si svolge il ringiovanimento mani Radiesse

La seduta dura all’incirca 30 minuti e non risulta particolarmente dolorosa, sebbene si possa provare del fastidio quando l’ago scorre sottopelle. Attraverso questa microcannula, infatti, viene iniettato il filler Radiesse nelle mani, in corrispondenza di precisi punti, precedentemente individuati dal medico estetico.

L’infiltrazione del filler avviene con tecnica retrograda, ossia la sostanza gelatinosa verrà rilasciata nella mano mentre l’ago scorre all’indietro, verso l’uscita: in questo modo, il filler potrà depositarsi in modo uniforme nelle aree da trattare.

All’inizio sarà possibile “sentire” sottopelle il prodotto iniettato, ma, già dopo un paio di settimane, l’idrossiapatite di calcio si integrerà completamente nel tessuto cutaneo e non se ne avrà più alcuna percezione.

La durata del ringiovanimento mani Radiesse va dai 12 ai 18 mesi, periodo dopo il quale, in seguito al riassorbimento totale del filler, sarà necessario ripeterlo.

 

Rischi e controindicazioni 

Subito dopo la seduta è possibile sperimentare fastidi, lieve dolore nei punti in cui è entrato l’ago ed ecchimosi, ma tutti questi sintomi scompariranno nel giro di pochissimi giorni.

Il trattamento con filler Radiesse è adatto a tutti, giovani e meno giovani. Le uniche controindicazioni sono la gravidanza e l’allattamento, la presenza di filler permanenti presenti nelle zone da trattare ed eventuali infezioni in atto, proprio nell’area interessata.

Potrebbero interessarti anche

Lascia un commento I campi obbligatori sono segnati da *
Specialista in Chirurgia Estetica, Chirurgia Plastica e Laserterapia.
Via Paolo da Cannobio 2, 20121 Milano
Infoline Centro: 02.89095050 | E-mail info@alessiabuscarini.it
P.iva n. 07293690967
Iscritti Sicpre